Virginia Woolf Project – Il progetto

20 giugno 1906: Virginia Woolf dipinge a parole la condizione delle donne dell’epoca.

E ci lascia in eredità lo stesso compito.
Quello di non essere “una delle tante donne affollate nell’ombra”.

Tocca a te ora raccontare il tuo essere donna oggi,
esprimere la tua condizione femminile attraverso il semplice diario di una giornata


il progetto Virginia Woolf Project
IL PROGETTO – L’ORIGINE:
20 GIUGNO 1906

Virginia Woolf Project prende spunto da Phyllis e Rosamond’, racconto in cui la scrittrice inglese Virginia Stephen Woolf tratta della condizione di cinque personaggi che descrive tutte femmine: “un errore iniziale” di cui dovranno rammaricarsi per tutta la vita ”spesa per conto dei genitori”.

Si tratta di cinque sorelle. Due sono ‘figlie di famiglia’, condannate a sottostare alla volontà dei genitori. I salotti sono la loro “arena professionale” in cui cercare marito. Due decidono di “coltivare l’intelletto, andare all’università riuscire bene e sposare dei professori”. La quinta si sposa giovane.

Ma il valore universale del primo racconto che la scrittrice inglese scrisse a 24 anni, sta nel prologo. “Ognuna di noi – scrive – dovrebbe annotare i dettagli di una propria giornata; la posterità sarebbe felice di quella cronaca quanto lo saremmo noi” nel ritrovare un reperto analogo risalente, ad esempio, al 1500.
Virginia Woolf ne fa subito una questione di genere. I ritratti di questo tipo “appartengono quasi invariabilmente al sesso maschile”, mentre le donne sono marionette manovrate da fili oscuri. “Potrebbe valere la pena assumere a modello una delle tante donne affollate nell’ombra” scrive Woolf, descrivendo poi la giornata tipica trascorsa da cinque giovani donne il 20 giugno 1906.

il progetto Virginia Woolf ProjectIL PROGETTO – PERCHE’:
UN GRANDE AFFRESCO DEL FEMMINILE

Virginia Woolf Project raccoglie questa eredità culturale e rilancia il compito di tenere traccia delle storie delle donne, ospitando racconti o semplici diari di vita, provenienti da qualsiasi parte del mondo, in un sito web destinato a divenire un grande affresco del ‘femminile’ di questa epoca. Non ci sono limiti: l’unico denominatore comune, nello scrivere il racconto di una giornata, deve essere la riflessione sulla propria condizione di donna di oggi e sui vincoli che la società impone.

il progetto Virginia Woolf ProjectIL PROGETTO – COME:
USCIRE DALL’OMBRA

Il pensiero patriarcale dominante, fatalmente destina le femmine alla procreazione e alla cura senza che siano in grado rompere il tetto di cristallo, non importa che siano figlie, sorelle, madri, nonne, compagne o single, studenti o lavoratrici, precarie o disoccupate.

Virginia Woolf Project dà l’opportunità ad ogni donna di fissare il fermo immagine di una giornata e lasciarlo alla posterità con immagini, brevi scritti, videoracconti, graphic novel, contributi creativi.
Le lingue base utilizzate sono inglese e italiano, ma verranno accolti contributi in ogni lingua.
Virginia Woolf Project rilancerà ogni storia su questo sito e tramite i propri canali social Facebook, Twitter, Instagram, YouTube per promuovere il progetto.

Virginia Wool Project – Il progettoIL PROGETTO – CHI:
TUTTE LE DONNE DEL MONDO

Virginia Woolf Project invita donne maggiorenni di tutte le età e di qualsiasi nazionalità a raccontare una propria giornata di vita in un’ottica di genere.

Il racconto, scritto o per immagini, può essere creato sotto forma di diario personale o, utilizzando la formula della scrittrice inglese, descrivendo personaggi immaginari ma rappresentativi del proprio ambiente sociale.

Leggi come fare qui
Invia anche tu la tua storia qui
Home italiano – Home english