Grazie al fantastico lavoro corale, la scuola Cazzulani ha realizzato pannelli bilingue con Qrcode per far scoprire, ‘Passeggiando con Flush’, l’avvincente storia del cane e il ritratto di Londra e dell’Italia dell’epoca, anche attraverso l’epidemia di colera


Quella che 200 studenti della scuola media Cazzulani hanno compiuto nel corso dell’anno 2020-21 (nonostante la Dad e restrizioni della pandemia) è stata una vera e propria passeggiata accanto a ‘Flush’ il cane di razza cocker spaniel protagonista di un avvincente romanzo di Virginia Woolf.
Lo hanno ‘adottato’ e poi lo hanno accompagnato, scoprendo con lui l‘Inghilterra e l’Italia di fine Ottocento attraverso gli odori caratteristici dei luoghi attraversati, seguendo le reali vicende della poeta Elizabeth Barrett, la proprietaria a cui Flush è legato da amore incondizionato, fuggita dalla rigida e ricca famiglia patriarcale per sposarsi con l’amato, attraverso dapprima la gelosia e il rancore poi l’amore di Flush verso il consorte.
Le/gli  studenti si sono addentrati con il simpatico cagnolino, condividendone gli stati d’animo di paura, anche nei bassifondi di Londra, quando Flush, con vari colpi di scena, viene rapito a scopo di riscatto, come era frequente all’epoca per i cani di razza,  e ne hanno condiviso le vicende quando, per un’epidemia di colera che ha effettivamente colpito l’Europa all’epoca, fa rientro a Londra e si sottopone con la famiglia a quarantena. Le ragazze/i ragazzi h
anno anche seguito Virginia Woolf sul filo dell’ironia quando confronta le ‘razze’ canine e gli inglesi blasonati dell’aristocrazia.

Passeggiando con Flush

Flush a biography by Virginia WoolfMa la lettura è stata tutt’altro che passiva e grazie all’attività multidisciplinare svolta, con un lavoro che ha coinvolto docenti di diverse materie, le/gli studenti hanno dato sfogo a creatività, digitalizzazione avazata, uso delle lingue, interventi di cittadinanza attiva, lasciando un segno profondo del proprio lavoro. L’esito sarà l’intitolazione a Lodi di un nuovo percorso urbano (Spina Verde a ridosso del centro), con un pannello/targa dedicato a Virginia Stephen Woolf con disegni, breve testo/italiano inglese e codice Qr Code che rimanda a letture più approfondite ma anche alla registrazione audio, in italiano e in inglese, fatta in maniera eccellente dalle/dai giovani studenti (come hanno rilevato le componenti della giuria), dei riassunti dei 6 capitoli del romanzo, per conoscere la storia di Flush mentre, magari, si passeggia col proprio cane.  E’ prevista anche una mostra itinerante con più pannelli e la posa, grazie all’Associazione genitori del Cazzulani, di una panchina dedicata a Stephen Woolf nel cortile della scuola.

1° premio la motivazione

Grazie a questo lavoro corale il progetto ha vinto il primo premio del Concorso nazionale di Toponomastica Femminile ‘Sulle vie della parità’ nella sezione C3, in collaborazione col Virginia Woolf Project, dedicata a Virginia Woolf con questa motivazione:

Virginia Stephen Woolf scrittrice, 1882-1941 – Passeggiando con Flush” è un itinerario dedicato a coloro che amano passeggiare con il proprio cane o da soli ma seguendo, oltre al ‘flusso di coscienza’ tipicamente woolfiano e creativo propri pensieri, la storia del cocker spaniel Flush e della sua proprietaria, la poeta Elizabeth Barrett, lungo la ‘Passeggiata Virginia Stephen Woolf’ a Lodi, tributo alla scrittrice inglese lasciato in eredità alle nuove generazioni. E’ una storia di pedigree e caste sociali ambientata tra l’Inghilterra e l’Italia di fine Ottocento, anche attraverso l’episodio reale di una epidemia di colera che colpì l’Europa e che costrinse i protagonisti ad una quarantena.

La Toponomastica femminile diviene in questo progetto il mezzo indicato anche dalle nuove generazioni per raggiungere la parità e superare la differenza tra i generi. L’intitolazione di un’area verde in città e il posizionamento di una panchina nel cortile della scuola media in omaggio a Virginia Woolf diventa luogo idealmente paritario e di ispirazione attraverso 13 pannelli realizzati in italiano e in inglese e mirabilmente disegnati da 200 studenti dell’I.C. Francesco Cazzulani, attraverso un’attività di ricerca storico-iconografica dell’epoca. Il Qrcode consentirà di accedere a testi più approfonditi sia da leggere che da ascoltare, grazie alle letture bilingue effettuate dalle/dagli studenti, che invitano tutte le fasce d’età della popolazione a riflettere sugli stereotipi e anacronismi del ruolo femminile, sensibilizzando al rispetto degli animali riconoscendoli come esseri viventi interagenti e in forte empatia con l’umano”.

Ad oggi (6 agosto 2021) è in corso la collaborazione con il Comune di Lodi per formalizzare l’intolazione del luogo e organizzare un evento inaugurale, predisponendo anche la mostra itinerante.

Di seguito, invece, la relazione delle docenti che illustrano come è nato il progetto. Oltre ad essere interessante, può essere di ispirazione per un’analoga attività didattica in altre scuole… alla scoperta di Virginia Woolf!


Ascolta gratis l’audiolibro di ‘Flush – Una biografia’


Sei nuove intitolazioni per Virginia Woolf: tutti i progetti premiati


“Una strada tutta per sé, Virginia Woolf” – 1° premio VIII Concorso ‘Sulle vie della parità’


Virginia Woolf, la sua passeggiata creativa e liberatoria protagonista a Torino


Relazione docenti Cazzulani

Docente/i referenti: Giordana Pavesi, Barbara Cabrini, Simona Cesarini, Italia Chiantella, Chiara Cornalba, Daniela Di Gaetano, Mariamaddalena Fiocchi, Laura Gobbi, Manuela Magli, Margherita Picco, Sara Pozzoni, Eleana Toscani.

“Il nostro Istituto ha aderito al Concorso “Sulle vie della parità” sin dalla prima edizione in collaborazione con la rete di scuole superiori del territorio. Quest’anno, per la prima volta, la partecipazione al concorso, in seguito alle proposte diversificate nei contenuti per le Secondaria di primo grado rispetto alla Secondaria di secondo grado, non ha reso possibile la collaborazione in rete, ma ha offerto l’occasione di coinvolgere, a differenza degli altri anni, più insegnanti del nostro Istituto, allettate dall’approfondimento della scrittrice Virginia Woolf.

La lettura della biografia di Flush ha innanzitutto entusiasmato noi docenti e ha poi appassionato alunni e alunne che hanno seguito con interesse e coinvolgimento ogni fase dell’attività proposta. E’ stato stimolante individuare il luogo dell’intitolazione più opportuno per noi e, parlando con l’assessora del Comune, scoprire che la nostra proposta potrebbe essere discussa in commissione. Non ci siamo limitati a richiedere un luogo da intitolare, ma abbiamo offerto un prodotto che lo personalizza e lo valorizza poiché in quel percorso pedonale del parco ci passeggiano ogni giorno centinaia di persone con i loro cani o per jogging, ma anche genitori e nonni con i bambini. E’ per noi il sito più indicato per ricordare la scrittrice Virginia Woolf e ascoltare la biografia del cane Flush, da lei magistralmente scritta e letta dai nostri ragazzi e ragazze attraverso un Qr code  collocato sui pannelli. Chi preferirà potrà invece leggere sui pannelli in italiano e in inglese le sintesi del libro e ammirare i disegni che ritraggono i momenti salienti del romanzo, il tutto prodotto da studenti del Cazzulani. Le 10 classi partecipanti, per un totale di circa 200 alunni, hanno svolto attività di ricerca dei materiali dell’epoca , sono state coinvolte in varie attività di analisi testuale e linguistica in lingua italiana e inglese, hanno affinato abilità di lettura e ascolto, hanno prodotto attività ludiche e realizzato materiale pittorico con diverse tecniche. Particolarmente stimolante è stata l’attività delle alunne formatrici che hanno gestito l’intera proposta didattica nella loro classe, protagoniste di un’esperienza di Peer Education e si sono proposte anche per le altre classi che lo hanno desiderato. Gratificante è sapere che anche l’Associazione dei genitori del Cazzulani finanzierà l’acquisto di una panchina da intitolare a Virginia Woolf in uno spazio funzionale alla lettura… Chi più di lei, che traeva ispirazione per le sue scritture passeggiando nella natura, come racconta nei suoi diari, può essere ricordata in un giardino dove potersi rilassare e leggere? Vogliamo concludere sottolineando che, mai come quest’anno, la partecipazione al Concorso ha avuto una profonda valenza di continuità didattica per docenti e studenti che, anche in pandemia, si sono confrontati, hanno studiato e dedicato ore di lavoro per  realizzare un prodotto significativo senza lasciarsi intimorire dalla DAD. A tal riguardo è stata significativa la lettura del capitolo incentrato sull’epidemia di colera, realmente verificatasi in Europa tra il 1854-1856, che costringe i personaggi a rientrare a Londra dall’Italia, sottoponendosi a quarantena. Particolare che ha reso possibile un parallelismo con l’attuale situazione pandemica. Non possiamo che ringraziare l’Associazione Toponomastica femminile e Virginia Woolf Project che ci hanno offerto una proposta per noi arricchente, consentendoci di accostarci ad una scrittrice di grande levatura e a una donna che ha utilizzato la letteratura come strumento per combattere le limitazioni che la società del suo tempo imponeva al ruolo della donna. Ringraziamo anche il Comitato Territoriale SNOQ Lodi, Se Non Ora Quando?, per la preziosa collaborazione”.

Proposta di intitolazione

Richiesta alla Commissione toponomastica dell’Amministrazione comunale di Lodi di intitolazione a Virginia Woolf del percorso pedonale nei Prati liberi di Lea Garofalo: “Passeggiata Virginia Woolf ,scrittrice, 1882-1941”, scrivendo nei pannelli prodotti lungo il percorso: “Virginia Woolf ,scrittrice, 1882-1941 – Passeggiando con Flush”.

Obiettivi raggiunti

Gli obiettivi raggiunti sono stati molteplici:

  • Coinvolgere emotivamente i ragazzi e le ragazze a immedesimarsi nelle emozioni di Flush, obiettivo più che mai fondamentale durante le lezioni in DAD, spesso asettiche e poco coinvolgenti soprattutto per dsa e bes.
  • Realizzare attività e riflessioni adatte alle varie fasce di età e alle abilità individuali (ad esempio spunti per l’analisi descrittiva con le prime e le seconde classi; riflessioni sugli stereotipi e anacronismi del ruolo femminile della società inglese e italiana della metà dell’Ottocento con le classi terze, comprendendo quali sono stati gli avvenimenti più significativi e le connessioni sincroniche e diacroniche più rilevanti ).
  • Sensibilizzare al rispetto degli animali, riconoscendoli come esseri viventi interagenti e in forte empatia con l’umano.
  • Ricercare e approfondire la lettura del libro attraverso immagini e contenuti relativi all’arredamento e all’abbigliamento tipici dell’epoca.
  • Affinare la conoscenza lessicale e l’espressione linguistica attraverso l’analisi del testo.
  • Studiare la sintassi linguistica in parallelismo tra lingua italiana e inglese.
  • Conoscere le abilità di scrittura di Virginia Woolf per invogliare e stimolare alla lettura personale di altre sue opere.

Eventuali azioni successive previste

  1. Realizzazione dei pannelli plastificati lungo il percorso pedonale nei prati liberi di Lea Garofalo per leggere e ascoltare la biografia di Flush, preparata in italiano e in inglese dai ragazzi/e. Collaborazione con il comune di Lodi.
  2. Realizzazione dei pannelli plastificati in funzione della realizzazione di una mostra a uso del territorio lodigiano. Collaborazione con Virginia Woolf Project (ViWoP)
  3. Realizzazione di uno spazio verde a scuola dedito alla lettura e al relax, allestito con panchine di anno in anno dedicate a donne significative, la prima delle quali in memoria di Virginia Woolf. Collaborazione con l’Associazione dei Genitori dell’Istituto Cazzulani.
  4. Raccolta e organizzazione dei materiali prodotti caricati sul sito della scuola per attività di raccordo con la primaria dell’Istituto e per attività di formazione delle classi della Secondaria che quest’anno non hanno aderito al Progetto.
  5.  Tutto il materiale prodotto (testi, audio, elaborati) per il concorso resterà pubblicato integralmente sul sito del Virginia Woolf Project.

L’articolo sul sito del Cazzulani


Sulle vie della parità – concorso nazionale


Torna alla home page Virginia Woolf Project

italiano inglese